centrostudijeannedarc

IN ITALIA ESISTE IL DIRITTO DI UCCIDERE

In Aborto on dicembre 22, 2011 at 6:41 pm

di Giacomo Rocchi

Fonte: Comitato Verità e Vita

Qualche riflessione sulla sentenza della Cassazione che, confermando una sentenza della Corte d’Appello di Perugia, ha condannato l’Università La Sapienza di Roma al risarcimento dei danni morali subiti dai genitori di un bambino down che avrebbe potuto essere abortito e non lo fu.

bimbo

Durante la gravidanza era stato eseguito l’esame della funicolocentesi che aveva dato esito negativo; l’Università è stata dichiarata responsabile perché la gestante non era stata informata della inaffidabilità dell’esame “e quindi sulla necessità di ripeterlo entro la 24a settimana“. Non avendo ripetuto l’esame (e non avendo, quindi, conosciuto l’esistenza della sindrome nel suo bambino) la madre non aveva potuto esercitare “il diritto di poter decidere liberamente, anche attraverso un’adeguata informazione sanitaria, la scelta dell’aborto terapeutico o di rischiare una nascita a rischio genetico”. In un ulteriore passaggio l’inadempimento dell’Università è stato ritenuto “suscettibile di ledere i diritti inviolabili della persona e quindi anche della gestante e del padre“.

Come quantificare il danno? La Corte d’Appello di Perugia aveva liquidato l’importo di euro 80.000; somma troppo bassa, secondo la Cassazione, considerata la gravità del sacrificio personale e la permanenza dell’assistenza di una persona che abbisogna di continue cure, sorveglianza ed affetto”. Abortire il bambino sarebbe costato meno …

morte

Giudici impazziti? Anche se Avvenire titola “Risarcimento per mancato aborto: la Cassazione sbanda“, in realtà non si tratta affatto della prima sentenza di questo tipoAlberto Gambino, intervistato da Avvenire, sostiene che “l’aborto non è un diritto, ma un bilanciamento di interessi contrapposti” e aggiunge che “bisogna essere un po’ cauti nell’accogliere questi percorsi giurisprudenziali, perché sembrerebbe che in Italia esiste un diritto ad abortire sostanzialmente illimitato. Invece la nostra legislazione prevede una possibilità di sacrificare la vita del nascituro davanti ad una lesione psicofisica. E questa è la condizione che si deve verificare”.

I Giudici applicano la legge: e la legge sull’aborto è la legge 194(alcuni ritengono che non si dovrebbe tentarne la cancellazione). Per riconoscere il risarcimento del danno, occorre che ad essere violato sia un diritto soggettivo. E che quello della donna ad uccidere il proprio figlio sia un diritto (anche dopo il terzo mese di gravidanza) la Cassazione civile (i giudici civili sono, appunto, i giudici dei diritti) lo ha affermato fin dal 2002.

Ma, si dice, almeno dopo il terzo mese, per abortire dovrebbe esistere una lesione psicofisica della donna. No, ribattono i giudici civili: la legge 194 prevede solo che le anomalie del nascituro possano provocare “un grave pericolo per la salute fisica o psichica della donna”; quindi per ottenere il risarcimento non occorre accertare se davvero, dopo il parto, la madre abbia subito un danno; è sufficiente verificare “se la dovuta informazione sulle condizioni del feto avrebbe potuto determinare durante la gravidanza l’insorgere di un tale processo patologico“.

Insomma: nessun danno reale e neanche nessun pericolo reale.

Le novità di questa sentenza sono altre: la prima è che viene riconosciuto il diritto al risarcimento anche al padre (pensate un po’: l’uomo non può intervenire per impedire l’uccisione di suo figlio, ma può chiedere soldi come risarcimento se la madre non ha potuto esercitare il suo diritto di ucciderlo …); e, inoltre, i Giudici civili superano di slancio l’unico limite della legge 194.

Sì, perché, come è noto, l’aborto non sarebbe permesso se il bambino, strappato dal corpo della madre, ha qualche possibilità di vita autonoma: quindi, attualmente, a circa 22 settimane di gravidanza. Che senso aveva, allora, fare una seconda funicolocentesi alla 24a settimana, se l’aborto “terapeutico” (sic!) era vietato? Ma, si risponde, è una questione di onere della prova: era l’Università a dover provare che il bambino – se fosse stato abortito alla 24a settimana – avrebbe potuto sopravvivere (chissà come questa prova poteva essere fornita): quindi la coppia di genitori ha diritto ad essere risarcita per la nascita del loro figlio e per il grave sacrificio personale, non avendo potuto compiere l’unico sacrificio possibile, quello del bambino.

Comprendiamo così come una legge ingiusta, oltre a permettere l’uccisione di milioni di innocenti, educa i cittadini.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: