centrostudijeannedarc

Archive for aprile 2012|Monthly archive page

ULTIME NOTIZIE DALLA SIRIA – «I ribelli ci uccidono. L’esercito deve restare» – Testo raccolto da Giorgio Paolucci

In Immigrazione e questione Nord Africa e del Medio Oriente on aprile 20, 2012 at 9:19 pm

Ci sentiamo indignati e impotenti di fronte al tipo di informazioni che circolano in Europa e fanno opinione, sostenendo le sanzioni internazionali


da “Avvenire” – TESTIMONIANZE – 11 aprile 2012

fonte: blog Ora Pro Siria

Viviamo in Siria da più di sette anni, amiamo questo Paese e il suo popolo. Ci sentiamo indignati e impotenti di fronte al tipo di informazioni che circolano in Europa e fanno opinione, sostenendo le sanzioni internazionali, una delle armi più inique che l’Occidente usa per tenersi le mani pulite e dirigere comunque la storia di altri popoli. Pulite fino a un certo punto: si moltiplicano le segnalazioni della presenza di personale militare inglese, francese (e di altri Paesi) a fianco degli insorti per organizzare le azioni di guerriglia, grave violazione internazionale che passa sotto silenzio.
Sono state raccolte firme e fondi per aiutare la “primavera” del popolo siriano.

Ma chi ha dato – in perfetta buona fede – offerte e sostegno della “liberazione” della Siria deve sapere che ha finanziato assassini inumani, procurando loro armi, contribuito alla manipolazione dell’informazione, fomentato una instabilità civile che richiederà anni per essere risolta. Sconvolgendo l’equilibrio in un Paese dove la convivenza era pane quotidiano. Perché intervenendo senza conoscere la realtà non siamo più liberi, ma funzionali ad altri interessi che ci manipolano.

Non è nostro compito fornire una lettura socio-politica globale della vicenda siriana, altri lo stanno facendo meglio di noi. E chi lo vuole davvero può trovare informazioni alternative. Noi ci limitiamo a raccontare solo ciò che i nostri occhi vedono, qui nel piccolo villaggio di campagna dove viviamo. E dove, quasi ogni notte, i soldati presenti nella piccola guarnigione che lo presidia sono attaccati. Sia dagli insorti presenti nella zona, sia da bande mercenarie che passano il confine siriano nel tentativo di sopraffare l’esercito e aprire un varco per il flusso di armi e combattenti. I militari rispondono? Certo, e la gente ne è contenta perché di armi e mercenari il Paese è già pieno.

Sta per scadere l’ultimatum per il ritiro dell’esercito, che qui nessuno – nel senso letterale del termine – vuole. La gente si sente sicura solo quando i militari sono presenti. Ormai le violenze compiute dai cosiddetti liberatori nelle città, nei villaggi, sulle strade, sono tante e così brutali che la gente desidera solo vederli sconfitti. Gli abusi sono continui: uccisioni, case e beni requisiti o incendiati, persone, bambini usati come scudi umani. Sono i ribelli a bloccare le strade, a sparare sulle auto dei civili, a stuprare, a massacrare e rapire per estorcere denaro alle vittime. Invenzioni? La notte del Venerdì Santo, non lontano da dove abitiamo, hanno ucciso un ragazzo e ne hanno feriti altri due: tornavano alle loro case per celebrare la Pasqua. Il ragazzo morto aveva 30 anni ed era del nostro villaggio. Non sono i primi tra la nostra gente a pagare di persona. Ormai prima di spostarsi a fare la spesa o anche solo per andare a lavorare ci si assicura che l’esercito controlli la zona. Anche a noi è capitato di trovarci bloccati dalle sparatorie per tre ore in un tratto di autostrada e siamo riusciti a ripartire solo quando si è formato un corridoio di carri armati che proteggevano gli automobilisti in transito dai tiri dei rivoltosi.

Perché di tutto questo non si parla? Perché non si parla dei tanti militari assassinati in vari agguati, gli ultimi ieri ad Aleppo? Sono tanti i drammatici esempi che potremmo citare. Il fratello di un nostro operaio, tenuto prigioniero a Homs dai ribelli insieme ad altri civili, è ormai considerato morto, due padri di famiglia del nostro villaggio sono stati sempre a Homs dai rivoltosi perché compravano e distribuivano pane a chi era rimasto isolato. La questione che qui, però, ci preme sottolineare e per la quale invitiamo tutti a mobilitarsi è quella delle sanzioni internazionali. Chi sta pagando e pagherà ancora di più fra poco, è la gente povera.
Non c’è lavoro, non ci sono le materie prime e le esportazioni di prodotti locali, come bestiame e uova, sono ferme. Quel poco che c’è, poi, si vende a prezzi esorbitanti.

Tra le principali urgenze c’è quella del latte per i bambini. I prezzi dei cartoni sono raddoppiati, passando da 250 lire siriane a 500 (la paga giornaliera di un operaio è di 7-800 lire). Scarseggia il mangime per il bestiame: le poche confezioni disponibili sono passate da 650 a 1850 lire. Mancano i medicinali specialistici, scarseggia l’elettricità perché i ribelli hanno fatto saltare più volte le centrali e le linee di conduzione. Non c’è gasolio (e l’inverno è stato molto freddo quest’anno), perché la Siria non può più esportare il suo greggio in cambio di petrolio raffinato. I trattori quindi sono fermi e non si può lavorare la terra. Sono bloccati perfino i camion che prelevano la spazzatura. Ci sono problemi con l’acqua perché le pompe funzionano col gasolio. Il nostro villaggio e quello vicino – che condividono lo stesso pozzo – hanno acqua un unico giorno alla settimana e solo per 3-4 ore. Si rischia una vera carestia per l’avvenire: presto mancherà il grano e quindi anche il pane, il solo alimento che, per ora, il governo riesce a distribuire a un prezzo calmierato, anche ai più poveri. E poi si protesta perché la Croce Rossa non può portare aiuti. È possibile arrivare a sanzionare addirittura l’importazione di pannolini per i lattanti?

Tutto questo è profondamente ingiusto. Non si è riusciti a rovesciare il governo con le armi, lo si vuole fare esasperando la gente. Certo, è proprio questa la logica delle sanzioni. Quando, però, una grande maggioranza della popolazione – che piaccia o meno – non vuole un cambiamento violento della situazione, tale sistema diventa una vera sopraffazione. Chiediamo con forza a chi può fare qualcosa di sospendere le sanzioni e di intervenire. Che la nostra tanto osannata democrazia si dimostri capace di servire il vero bene del popolo.

Un gruppo di italiani che vive in Siria (Testo raccolto da Giorgio Paolucci)

ULTIME NOTIZIE DALLA SIRIA – Drammatica testimonianza di Madre Agnes Mariam de la Croix

In Immigrazione e questione Nord Africa e del Medio Oriente on aprile 20, 2012 at 9:15 pm

 

Riportiamo questa testimonianza di una religiosa cattolica che vive in Siria, con altre consorelle. Si tratta di un drammatico documento che ci permette di conoscere meglio la reale situazione della Siria, e i problemi sempre più grandi che per le comunità cristiane stanno nascendo in quel Paese.

Ultime notizie da Homs e Kusayr

 

da Madre Agnese Maria della Croce

fonte: blog Ora Pro Siria

traduzione dal francese di Mario Villani , redattore di “Appunti Attualità Politica Cultura”

testo francese in ; http://www.maryakub.org/Article_dernieres_nouvelles_de_Homs_et_Qousseir_1_avril_2012.html

Alla vigilia della Settimana Santa, quando noi contempliamo l’Agnello di Dio vergognosamente tradito dal peccato del mondo accettato per la nostra salvezza, vengo a inviarvi notizie recenti sulla nostra Diocesi. E’ nostro dovere informarvi sui veri sviluppi della conflitto in Siria. Lo facciamo affinchè l’opinione pubblica faccia ogni pressione per risparmiare sofferenze al popolo siriano.

Notizie da Qara

Più di trecento famiglie sunnite di Bab Amro sono rifugiate nel villaggio ed aiutate dai membri locali dell’opposizione. Anche noi facciamo quello che possiamo per aiutarli. Io sono intervenuta personalmente per la liberazione di 70 militanti incarcerati dopo il passaggio dell’esercito siriano dal nostro villaggio. Ho espresso alta e forte la mia disapprovazione per i metodi impiegati contro certi prigionieri che sono stati maltrattati per far loro confessare dei presunti crimini legati al terrorismo delle bande armate. Noi abbiamo dichiarato il nostro monastero aperto per ricevere i profughi ed i sinistrati. Ci è stato riferito di un centinaio di bambini tra i 2 e i 10 anni che sono stati raccolti tra le macerie di Bab Amro e che non hanno ancora ritrovato i loro genitori. Noi cerchiamo di aiutarli e forse, una volta completati i documenti, ne riceveremo qualcuno tra di noi. Questo dipenderà dal Ministero degli Affari Sociali. Per questo scopo i vostri aiuti sono i benvenuti.

Notizie da Homs

A Homs, città di un milione di abitanti, i due terzi della popolazione sono fuggiti. Più del 90% dei Cristiani sono fuggiti, spesso senza avere il tempo di portare nulla con sé. Centinaia di famiglie cristiane hanno abbandonato Homs e la sua provincia per rifugiarsi nella Valle dei Cristiani, a Damasco o nella sua provincia. I vostri aiuti sono arrivati e sono già stati distribuiti. Tantissime grazie! Quando potremo raggiungere il parroco di Bab Sbah, a Homs, ci darà la lista delle famiglie che ne hanno beneficiato. Questo perchè possiate continuare ad aiutare serenamente, i vostri doni arriveranno tutti a destinazione.

Alcune famiglie sono ritornate per sorvegliare i loro beni. Una di loro racconta questo episodio: “Abbiamo aperto la porta ed ecco!, il salone era pieno di gente. Ci hanno portato i nostri pigiami e hanno mangiato insieme a noi. Gli abbiamo chiesto cosa volessero. Imbarazzato il loro capo ci ha detto: quando volete vi renderemo la vostra casa. Ma la realtà si impone, siamo costretti a lasciarli fare ed arrenderci all’evidenza. La nostra casa non è più nostra.”

Perchè diciamo che la gente è stata “costretta” a partire? Perchè progressivamente, ma efficacemente le fazioni armate dell’opposizione siriana hanno operato quella che può essere definita una “redistribuzione demografica”. Grazie ai franchi tiratori e ad atti di aggressione criminale hanno terrorizzato la popolazione civile non gradita: le minoranze alauita, cristiana, sciita ed anche molti sunniti moderati che non hanno voluto partecipare alle attività dei ribelli. Non è un genocidio massiccio, ma una liquidazione lenta.

A partire da agosto 2011 e più particolarmente da novembre, quando abbiamo potuto verificare la situazione con i nostri occhi, visitando Homs e Kusayr, noi abbiamo informazioni sicure e verificate di atti di barbarie contro la popolazione civile per obbligarla a desistere dalla normale vita civica e paralizzare le Istituzioni e lo Stato.

Dall’inizio dell’anno si sono registrati ripetuti atti di sabotaggio contro gli edifici scolastici, rapimenti di insegnanti e professori, minacce agli studenti e incendi e bombardamenti contro le scuole. Questo ha portato alla progressiva chiusura di tutte le scuole di ogni ordine e grado.

Le minoranze che vivono nei quartieri dove agiscono le bande affiliate all’opposizione siriana sono il bersaglio permanente di ogni vessazione: i loro beni sono saccheggiati, le vetture requisite, molti di loro sono presi in ostaggio solo per il fatto di appartenere ad una minoranza religiosa e non vengono rilasciati se non con il pagamento di un riscatto (fatto che ha provocato il fenomeno dei contro-rapimenti, con trattative per la liberazione degli ostaggi).

In particolare tutti i protagonisti della vita civile sono diventati un bersaglio privilegiato del terrorismo camuffato da resistenza armata: conducenti di taxi, mercanti ambulanti, portalettere, e soprattutto funzionari dell’amministrazione civile sono le vittime innocenti di atti che hanno superato il semplice assassinio per assumere gli aspetti più barbari del crimine gratuito: persone sgozzate, mutilate, sventrate, fatte a pezzi e gettate agli angoli delle strade o nell’immondizia. Non si è esitato a sparare su dei bambini per diffondere la disperazione come è stato nel caso del piccolo Sari, nipote del nostro tagliatore di pietre. Questi atti atroci sono stati sfruttati mediaticamente per attribuirne la responsabilità alle forze del Governo.

Noi stessi abbiamo potuto vedere come funziona questo stratagemma in occasione di una visita a Homs. Quel giorno abbiamo potuto contare almeno cento cadaveri arrivati all’ospedale, vittime dell’accanimento gratuito delle bande armate affiliate all’opposizione. Passando per via Wadi Sayeh abbiamo notato una vettura bruciata. Un uomo era stato appena preso di mira dalle bande armate perchè si era rifiutato di chiudere il suo negozio. La sua autovettura era stata fatta esplodere e lui letteralmente fatto a pezzi e gettato davanti alla saracinesca del suo negozio. Nel momento in cui noi siamo passati si erano radunati dei passanti. Ne abbiamo visti molti riprendere la scena con i loro telefonini. Mentre filmavano ne abbiamo sentito uno registrare queste parole indirizzate ad una catena satellitare: “ecco cosa devono sopportare i cittadini siriani da parte degli squadroni della morte di Bashar Assad”. Abbiamo fotografato tutto l’avvenimento e seguito le povere spoglie della vittima fino all’ospedale.

Con la caduta di Baba Amro i combattenti si sono introdotti a Nazihin e Ashiri ed hanno investito i quartieri cristiani di Warcheh e Salibi. Le case dei Cristani sono state requisite. Da Hamidiyeh e dintorni fino a Wadi Sayeh, e più oltre Bustan Diwan, si è ripetuto il medesimo scenario: le bande armate costringono i Cristiani a partire, spesso con la forza, e saccheggiano le loro case, poi le utilizzano per installarvi delle famiglie sunnite profughe o per scopi militari. Ci hanno raccontato che le bande armate hanno bucato i muri divisori che separano le abitazioni per poter circolare attraverso il quartiere senza uscire nella strada. Dei quartieri interi si sono così trasformati in casematte.

ULTIME NOTIZIE DEL 30 MARZO 2012

I quartieri di Bab Sbah, Warcheh e parte di quello di Hamdiyeh sono stati svuotati dei loro abitanti. Bande di islamisti invadono i luoghi e si introducono nelle abitazioni, le saccheggiano e poi le bruciano, facendo credere che le forze governative le hanno bombardate. I terroristi, prima di introdursi nei quartieri abitati dalle minoranze confessionali, li hanno colpiti con mortai, razzi e missili LAU di fabbricazione israeliana. Se la prendono con la popolazione civile non armata e nelle zone dove non c’è la presenza dell’esercito regolare.

E’ falso dire che la popolazione civile è presa tra due fuochi. La verità è che in molte zone i quartieri cristiani sono stati il bersaglio di un bombardamento sistematico delle bande armate che hanno voluto vendicarsi perchè i Cristiani non hanno aderito all’opposizione. Ma se l’avessero fatto avrebbero potuto evitare di essere colpiti? Ne dubitiamo.

Secondo l’agenzia cattolica Fides, la manovra delle bande armate è quella di investire i quartieri a maggioranza cristiana per trincerarvisi. Si sta preparando un terribile dramma: le bande armate hanno riempito il quartiere di esplosivo e minacciano di far saltare tutto se l’esercito avanza.

Dobbiamo dire che vi è molta confusione sugli obbiettivi delle fazioni armate dell’opposizione. Essendo divise tra di loro e agendo in modo indipendente, le loro azioni hanno differenti motivazioni. Non bisogna affrettarsi a gettare discredito sulle testimonianze dei Cristiani che, avendo avuto a che fare con queste bande armate, sono stati oggetto di una vera persecuzione. Non è più un mistero per nessuno che dei salafiti sono attivi a Homs in particolare ed in Siria in generale; è tuttavia vero che i Cristiani non sono sotto una persecuzione sistematica e generale in tutto il paese perchè i salafiti non sono dappertutto.

Sto traducendo un articolo che chiarisce molte cose sulla presenza salafita in Siria e Libano.

Notizie dell’ultima ora: il famoso ”curato di Bab Sbah” che era rimasto eroicamente sul posto per servire i suoi parrocchiani a rischio della sua vita si è visto obbligato a partire. La sua automobile è stata rubata, la casa, così come quelle dei suoi parenti, è stata occupata dei miliziani che hanno rubato tutto. Perfino i pacchi di aiuti umanitari destinati dalla Caritas alle famiglie sinistrate sono stati requisiti dei miliziani. Il padre ha raccolto dei video impressionanti di ciò che resta dei quartieri cristiani. Sembrerebbe di essere a Beirut nei peggiori momenti della guerra dei due anni. Inoltre abbiamo appena saputo che i padri gesuiti hanno posto dei giovani armati per difendere i loro conventi e i loro beni. Speriamo che questo sia sufficiente per conservarli sani e salvi.

E infine, una notizia delle peggiori: la ragazzina R. S., una greca – ortodossa che era stata rapita da tre settimane da Bustan Diwan, nel quartiere cristiano di Homs è stata restituita ai suoi genitori in uno stato allarmante. Ella racconta che è stata condotta da uomini armati in una fattoria oltre lo svincolo di Palmira nell’entrata sud di Homs e là una trentina di uomini l’hanno violata. Ella si trova attualmente in un ospedale di Damasco. Le sue condizioni sono terribili ed è in stato di choc. Ella ha sentito gli uomini dirle che lei era stata loro concessa dallo Sceicco Arour come bottino di guerra.

Il fratello del curato greco- ortodosso di Doueir, il padre Tohmeh Haddad, è stato rapito dai ribelli. Essi chiedono un riscatto di € 200.000.

SITUAZIONE A KUSAYR

Kusayr è un grosso centro nei dintorni di Homs, vicino al Libano. La situazione è drammatica. Le minoranze sono il bersaglio di terribili soprusi. Molte persone innocenti sono morte, abbattute a sangue freddo. Andrè Arbache, un giovane marito di trenta anni è stato rapito oggi e non si sa nulla di lui. Alcuni terroristi arrestati dalle forze di sicurezza hanno confessato che sarebbe già stato sgozzato seguendo il rituale “Nahar” che Al Qaeda applica ai rinnegati.

La famiglia cristiana Kasouha, maggioritaria a Kusayr, ha perso molti dei suoi membri, uccisi a sangue freddo. Si parla di vecchi rancori. Bisogna però sapere che molti Cristiani sono stati massacrati dopo aver subito per mesi le angherie di miliziani armati che, tuttavia, sono stati presentati al mondo come combattenti valorosi che cercano di instaurare la democrazia. In realtà queste bande armate hanno applicato la legge della giungla: sia quando hanno cercato di far resuscitare i demoni di vecchi rancori tra comunità, sia quando, come ad Homs, hanno cercato di provocare una guerra confessionale.

Molti Cristiani di Kusayr sono stati assassinati, talvolta fatti a pezzi, per spingere la popolazione alla fuga. Come se questo non bastasse, per sgomberare Kusayr dei Cristiani, i terroristi hanno cominciato ad attaccare apertamente i loro quartieri. Li hanno bombardati con i mortai e i lanciarazzi, poi li hanno invasi, scacciando gli abitanti e uccidendo quelli che non volevano andarsene. Molte case dei Cristiani sono state bruciate dopo essere state saccheggiate. Nei quartieri più lontani che non sono ancora stati investiti dai terroristi molti Cristiani si sono rifugiati presso dei parenti, ma le loro case sono sotto il tiro dei mortai. Persino la casa del nostro parroco Padre George Louis è stata colpita da quattro proiettili che l’hanno completamente distrutta. E’ necessario ricordare che questi bombardamenti non entrano nel quadro di combattimenti con l’esercito regolare, ma costituiscono un’aggressione gratuita contro una popolazione non armata. I Cristiani di Kusayr hanno sentito islamisti affermare a più riprese che i comitati di coordinamento locali hanno già distribuito i beni mobili e immobili dei Cristiani alle famiglie sunnite. Questo progetto è ormai in fase di esecuzione. Un dirigente dell’esposizione a Kusayr , Oum Zahreddine Zhouri, ha appena annunciato che “i beni dei cristiani erano distribuiti ai musulmani come bottino di guerra” ed in effetti è ciò che sta avvenendo, almeno nelle case e magazzini del quartiere del Suk orientale che è stato interamente investito dalle bande armate. I cristiani sono tutti stati gettati fuori, le loro case sono state spogliate e interamente bruciate. Confermiamo la notizia data dall’agenzia Fides: la maggior parte dei 10.000 cristiani di Kusayr è stata costretta a lasciare le loro case e i loro beni. Essi si sono rifugiati nei dintorni o sono fuggiti verso Damasco, la Valle dei cristiani o verso il Libano dove ci si informa che molti alauiti e cristiani hanno trovato casa nelle città costiere o nella montagna e dove più di 60 famiglie cristiane di Kusayr si sono rifugiate nella città di Zahlè.

QUALCHE ESEMPIO SIGNIFICATIVO DI ATTI SELVAGGI PERPETRATI DALLE BANDE ARMATE AFFILIATE ALL’OPPOSIZIONE

Quando l’esercito regolare è entrato a Baba Amro i terroristi hanno radunato tutti i loro ostaggi alauiti e cristiani in un immobile di Khalidiyeh che hanno fatto saltare con l’esplosivo, commettendo un terribile massacro, che hanno attribuito alle forze regolari. Malgrado che di questo atto siano state accusate le forze governative persino dalla Lega Araba, le prove e le testimonianze sono inconfutabili: si tratta di una manovra delle bande armate affiliate all’opposizione.

La famiglia Al Amoura, del villaggio di Al Durdak, nei dintorni di Homs, è stata sterminata dai terroristi wahabiti. Quarantuno persone d questa famiglia sono state sgozzate lo stesso giorno. Un altro massacro è stato commesso dall’esercito libero della Siria in ritirata da Baba Amro: si sono fermati vicino a Rableh, alla frontiera libanese, e hanno massacrato quattordici membri di una stessa famiglia alauita a Hasibiyeh.

RETROSPETTIVA

Ecco: è da un anno che mi dedico allo studio della situazione in Siria per cercare di comprenderla. Da allora mi sono recata per tre volte sui luoghi caldi della nostra Diocesi e posso dire di essere diventata una testimone oculare. Guardando indietro io vedo che non mi sono ingannata nelle mie previsioni. Con dei giornalisti belgi siamo stati i primi al mondo a fare stato della presenza di “bande armate non identificate”. Oggi queste bande sono state identificate. Possiamo dare loro un nome. Esse sono raggruppate sotto l’etichetta di Esercito Libero della Siria, ma esse sono di matrice salafita o wahabita, vale a dire le formazioni paramilitari degli islamisti ultra radicali.

Noi ringraziamo tutte le realtà che durante l’anno trascorso hanno intimato al regime siriano, anche se spesso a torto e in conseguenza di false informazioni, di fermare le sue violenze contro la popolazione civile. Ma cosa dire delle crudeltà dell’opposizione siriana? O meglio, delle fazioni armate che proclamano di essere l’opposizione? Oggi il male è fatto. Quello che temevamo sta per succedere: l’esodo dei Cristani dalla Siria è cominciato. E’ un dramma che condividono con i loro fratelli e sorelle di altre confessioni. Questo ci ricorda l’esodo dei Cristiani dell’Iraq. Speriamo che la tendenza sia arrestata dalla fine delle ostilità e dall’instaurazione di un dialogo tra tutte le componenti del popolo siriano.

Noi siamo tutti per la libertà e la democrazia. Sfortunatamente i nobili obiettivi indicati dall’opposizione siriana sono stati fagocitati dall’islamismo. Esaltando l’opposizione -all’inizio poteva essere a giusto titolo- si è creduto senza verifiche a tutto quello che raccontava l’inattendibile Osservatorio siriano dei diritti dell’uomo e poi i comitati di coordinamento locale. Ora, sulla base delle loro necessità, questi organismi hanno fatto più disinformazione che informazione. Non solo l’informazione fornita è stata unilaterale e di parte, ma spesso era monca e falsificata. La realtà non era più conforme alle loro fastidiose dichiarazioni. D’altronde gli avvenimenti mi hanno dato ragione e, cosa che mi consola, la comunità internazionale stessa sta accogliendo la tesi di una trasformazione dell’opposizione siriana che è divenuta, all’insaputa di molti dei suoi sostenitori, un paravento per il sunnismo radicale. I grandi mezzi di comunicazione cominciano poco a poco a comprendere la realtà del conflitto in Siria, raccontando alcuni dei suoi aspetti nascosti da troppo tempo: la presenza di fazioni armate l’obiettivo delle quali era quello di creare uno scenario di guerra confessionale simile a quello del Libano. Questo spiega le crudeltà subìte per mesi dagli alauiti da parte delle bande armate. I Cristiani sono stati vittime anche loro ma in misura minore. L’obiettivo di questi gruppi armati era spingere le minoranze ad armarsi per far esplodere una guerra confessionale. Ma questa reazione non c’è stata. A parte dei casi isolati, le minoranze non si sono armate ed hanno atteso pazientemente che le forze dell’ordine venissero a proteggerle. Hanno pagato così un pesante tributo di sangue attendendo la loro liberazione. La storia renderà omaggio alla maturità del popolo siriano che, in forza della sua millenaria saggezza, ha evitato fare la scelta peggiore quando tutto era a sua disposizione per vendicarsi dell’”altro”. E’ necessario anche dire che la maggioranza dei Musulmani in Siria non danno credito ai salafiti e prendono le distanze dal wahabismo. Dicono che tutto l’estremismo è una deformazione e che il salafismo, ispirato dal wahabismo, è diventato un’eresia soprattutto quando è ricorso all’eliminazione dei “kuffar” o “rinnegati”, in pratica di tutte le persone che non accettano la sua dottrina.

In definitiva il mondo occidentale, vittima di un’informazione tendenziosa, si inganna applicando a questi eterogenei gruppi islamisti il titolo di Esercito Libero di Siria. Bisogna saper distinguere le cose per non favorire il peggio.

Che dire di più? Human Rights Watch ha scritto una lettera aperta al “Consiglio Nazionale Siriano” per invitarlo a denunciare gli atti di barbarie contro la popolazione civile e le forze dell’ordine. Atti contrari alla Carta dei Diritti dell’Uomo ed alla Convenzione di Ginevra commessi dalle bande armate affiliate all’opposizione. L’ambasciatore degli Stati Uniti a Damasco si è lamentato delle violenze inaccettabili delle bande armate che agiscono in nome dell’opposizione. Le grandi potenze ed i media internazionali parlano apertamente di una deriva confessionale di certi settori armati affiliati all’opposizione siriana tra i quali si scoprono fazioni di Al Qaeda, dei salafiti e dei wahabiti. Pax Christi del Canada ha mandato una lettera a tutti i responsabili degli Stati per domandare loro di non intervenire più in Medio Oriente con mezzi militari. La Francia, da parte sua, ha rifiutato l’ingresso nel suo territorio allo cheikh Qaradawi che incita incessantemente su Al Jazirah araba ad una guerra confessionale. L’affare Merah a Tolosa contribuirà ad aprire gli occhi sui pericoli della catena Al Jazirah, i cui locali nella torre Montparnasse sono stati perquisiti dalla polizia francese.

Nel momento in cui la comunità internazionale cerca di favorire il dialogo e la pacificazione è divenuto ormai inaccettabile che dei responsabili e dei giornalisti continuino a credere ciecamente alle dichiarazioni di una rete di informazione tendenziosa che copre i crimini di queste bande armate affiliate all’opposizione siriana con suo grande danno. Ignorando i soprusi e i crimini di queste bande armate e approvando la loro lotta si incoraggiano i loro crimini e non si porta aiuto alle persone in pericolo. Solo un’informazione obiettiva e senza partito preso, fedele alla realtà dei fatti, potrà aiutare a fermare la violenza e portare tutte le fazioni a dialogare in vista di un vero processo democratico. Occorre denunciare il male ove di trova, senza preconcetti. Serve un minimo di verifica e di messa a fuoco nella confusione che prevale.

CONCLUSIONE

Noi preghiamo affinchè la Siria esca purificata e pacificata da questa terribile prova e perchè la voce della maggioranza schiacciante del popolo siriano, di tutte le confessioni, sia ascoltata: avviare le riforme necessarie senza rompere il patto nazionale né cadere nella guerra confessionale.

Preghiamo che, in questo glorioso tempo pasquale, il Signore vincitore della morte, ci visiti come ha fatto con sua Madre e i suoi Apostoli e ci evangelizzi con la sua pace basata sulla distruzione del muro dell’odio attraverso il suo corpo sacrificato per noi. Lui solo ci insegna ad amare il prossimo fino a sacrificarsi per lui. Questo è il messaggio che noi ameremmo far capire sulla Siria a quelli che sono vicini e a quelli che sono lontani.

 

Qara, 1 aprile – domenica degli ulivi – 2012.